ASSOCIAZIONE ITALIANA DELLE MACCHINE A FLUIDO E DEI SISTEMI PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE

logo fb

Sintesi della giornata studio AIMSEA sugli accumuli di energia, Ancona 8 Maggio 2019

Giornata di studio sugli accumuli di energia

8 maggio 2019

Università Politecnica delle Marche
Aula Azzurra
Via Brecce Bianche, 60131 Ancona

Alla giornata studio dell’AIMSEA  hanno partecipato 11 atenei corrsipondenti ad altrettanti gruppi di ricerca. (clicca qui per l'elenco dei lavori).

Obiettivi della giornata:

  1. Fotografare le attività di ricerca del settore nell’ambito dell’accumulo di energia
  2. Capire quale è il focus delle attività di ricerca:
    Tecnologia Vettore energetico Applicazione
    EES, Li-Ion, batterie di flusso, accumulo sensibile, latente (PCM), energia potenziale, CAES, LAES, P2G Elettricità
    Energia termica  ad alta temperatura
    Energia termica a media temperatura
    Energia termica a bassa temperatura
    Energia termica a bassissima temperatura
    Idrogeno
    DSM
    Flessibilità degli utenti
    Integrazione delle RES
    Gestione ottimale GD
    Integrazione di sistemi energetici
    Multi-energy networks
  3. Individuare possibili strategie ecollaborazioni tra le varie sedi

Premessa

Il nostro settore è l’unico la cui declaratoria contempli i “processi di accumulo di energia”.

Altri settori fanno riferimento solo per specifiche applicazioni (09/D1 SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI e 09/E2: INGEGNERIA DELL’ENERGIA ELETTRICA). Si riportano di seguito le declaratorie:

Declaratorie di settore

09/C1: MACCHINE E SISTEMI PER L’ENERGIA E L’AMBIENTE

Il settore si interessa dell’attività scientifica e didattico-formativa nel campo delle Macchine e Sistemi per l’Energia e l’Ambiente. Il settore studia le è […]  Il settore studia, altresì, l’inserimento di tali macchine ed apparati nei sistemi stazionari di generazione di energia elettrica e termica ed in quelli propulsivi terrestri, marini ed aerei, nonché il loro impiego nelle industrie di processo e nei settori terziario e residenziale. Il settore studia inoltre, nella loro globalità, i sistemi destinati alla conversione dell’energia nelle sue varie forme tradizionali (centrali termoelettriche alimentate da combustibili fossili ed elettronucleari, idrauliche, cogenerazione ecc.) e rinnovabili (energia solare, eolica e delle maree, biomasse, rifiuti solidi urbani e industriali, ecc), gli impianti geotermici, le centrali termiche e frigorifere, i processi di trasporto e di accumulo dell’energia, ed i vari sistemi di conversione diretta della stessa. Particolare attenzione è rivolta all’impatto ambientale dei sistemi energetici ed alle tecnologie rivolte al suo contenimento.

09/D1: SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI

È inoltre patrimonio del settore … le competenze riguardanti i materiali per la conversione, l'accumuloe la conservazione dell'energia,…

09/E2: INGEGNERIA DELL’ENERGIA ELETTRICA

Studia le tematiche di base ed applicative dell’Ingegneria elettrica che riguardano i componenti, i sistemi, le tecnologie ed i materiali connessi ai processi di produzione (da fonti tradizionali o alternative, anche in forma distribuita, con cogenerazione, con accumulo, etc.), alla trasmissione, alla distribuzione, alla conversione ed all'utilizzazione dell'energia elettrica (nelle costruzioni civili, nell'industria, nel terziario, nei servizi territoriali, nei trasporti, nello spazio, etc.).

Sintesi dei principali attività di ricerca del settore nel campo dell’accumulo di energia

  1. Le attività dei singoli gruppi è essenzialmente autonoma e non coordinata all’interno del settore. Tuttavia molte ricerche sono legate a finanziamenti/collaborazioni con aziende, enti di ricerca o a progetti europei.
  1. Le attività di ricerca possono essere suddivise per:
    1. Tecnologia e vettore: accumuli elettrici, termici (sensibile e latente); energia cinetica/potenziale/meccanica (pumped-hydro, CAES, LAES, volani); energia chimica (idrogeno, power-to-gas, metanazione)
    2. Applicazione, cioè utilizzo di accumuli per: 
      1. una maggiore integrazione delle fonti rinnovabili (sistemi ibridi ed energy transition) in micro e mini reti, anche in contesti in via di sviluppo
      2. strategie di DSM
      3. flessibilità degli utenti finali, Demand Response 
      4. utilizzo nei sistemi rinnovabili a forte inerzia (PCM come storage termico per solare a concentrazione)
      5. miglioramento della qualità della rete elettrica
      6. Veicoli elettrici per vehicle to building o vehicle to grid anche in scenari di aggregazione
    3. Tipologia di studio:
      1. Teorico di modellazione e simulazione sulla singola tecnologia di accumulo;
      2. Teorico di modellazione, ottimizzazione e scheduling per il dimensionamento e l’operatività degli accumuli in contesti di pianificazione di micro/mini reti con più vettori energetici
      3. Applicata in contesti di nano, piccola, media e grande taglia
  1. Le principali fonti di finanziamento sono:
    1. Finanziamenti da aziende (1-2 su 11)
    2. Bandi Regionali POR (4-5 su 11)
    3. Enti di ricerca (ENEA-CNR, 2-3 su 11)
    4. Progetti Europei (2 su 11) 

Proposte di attività future:

  • Organizzare altri momenti/giornate studio per confrontarsi sull’attività di ricerca nell’ambito dei sistemi di accumulo di energia
  • Organizzare special session al congresso ATI sui sistemi di accumulo di energia

Stampa Email

Associazione Italiana delle Macchine a fluido e dei sistemi per l'Energia e l'Ambiente